La fogna

Qualcuno (che non merita di essere nominato non per quello che ha detto ma per quello che è) ha detto recentemente che “Napoli è una fogna”, riferendosi alla situazione generale di quella città ed in particolare ai fatti accaduti negli ultimi giorni, cioè i soliti morti ammazzati che hanno fatto notizia e a poco altro diverso dal solito. Dunque, separando nettamente quello che è stato detto da chi l’ha detto, concordo pienamente con la frase: sì, Napoli è una fogna e negarlo sarebbe nascondersi ipocritamente dietro un dito.

Ma questo è banale e lo sapevamo già. Mi domando solo perché il tema sia tornaro alla ribalta così all’improvviso e fortemente quando la situazione là è quella da sempre, tra alti e bassi.

Quello che forse non è così banale è che anche Milano, per esempio, può essere considerata una fogna. Sì perché non dimentichiamoci che è il centro ideale e reale della finanza italiana, e quindi dell’economia italiana, e sappiamo bene cosa questo significhi: dalla Milano da bere anni ’80 a Mani pulite, ai vari scandali scandalini e scandalucci di cui abbiamo saputo e non abbiamo saputo, tanto per dire qualcosa che il sottoscritto ricorda bene (e non sono abbastanza vecchio per ricordare cose degli anni ’70). Non che le altre città stiano messe molto meglio, ma ai fini di questo breve scritto un esempio vale l’altro (vogliamo parlare di Palermo o di Torino? La musica non cambia.)

Ora vediamo che tra la città più ricca e quella meno ricca d’Italia esiste un trait d’union molto evidente anche al più feroce dei nordisti, e questo elemento accomunante è quell’indefinibile quid che contraddistingue gli Italiani dai Francesi, dai Tedeschi e da tutti gli altri popoli, quel non so che che ci rende unici nella nostra Storia, nell’arte, nella cucina, nel modo di vivere disorganizzato ma sempre in qualche modo vincente. Insomma, quello che unisce idealmente un Nord produttivo e un Sud che se la spassa è questo modo di essere italiani, di essere quelli che alla fine se la cavano sempre anche se sono semplici improvvisatori, furbacchioni o semplici incoscenti.

Negli ultimi mesi ho respirato ogni ora di ogni giorno questa atmosfera nel mio lavoro: abbiamo ottenuto risultati straordinari, ma sfido qualunque teorico del caos, della complessità, dell’organizzazione aziendale a capire come certe cose possano saltar fuori! In questi mesi ho vissuto l’italianità più pura, distillata, lavorando a più progetti contemporaneamente, di dimensioni diverse, in contesti diversi, e la solfa è stata sempre la medesima: un rifiuto categorico, evidente per chi lo sa vedere, del concetto di importanza dell’organizzazione.

Ora questo può sembrare poco in argomento con la trista storia d’Italia, ma in realtà credo ne sia una delle componenti fondamentali. Infatti, osservando la realtà di tutti i giorni, parlando con colleghi e amici, la musica è sempre quella: realtà in cui non si capisce chi fa cosa e come, errori su errori, pezze su pezze. Può darsi che io sia una persona sfortunata che conosce solo persone sfortunate, ma non credo. Quindi per induzione, suppongo che questo modus operandi possa essere esteso a tutta Italia, a tutti gli Italiani, le singole persone che ogni giorno subiscono il caos e contribuiscono a crearlo e sostenerlo, ogni giorno, ogni minuto. Infatti guardo per esempio all’attuale governo (e non voglio parlare del precedente, per carità): una tipica accozzaglia all’italiana, dove il coro non esiste e ognuno dice la sua, anzi la urla, sgomitando in continuazione per avere il proprio attimo di attenzione sul palcoscenico, ma che dico, sulla sgangerata pedana della politica italiana. Questi politici sono il nostro esempio, queste persone siamo noi, ed è inutile che ce ne lamentiamo, non solo perché là li abbiamo mandati noi (ma l’altro schieramento è uguale da questo punto di vista) ma perché non esiste politico diverso da questi, perché sono noi, e noi siamo tutti Italiani, siamo tutti dei grandissimi arrabattoni individualisti.

E la cosa più triste è che pare che nessuno faccia niente per cambiare le cose, ma questo è un discorso che richiederebbe troppo tempo per essere dipanato ed inteso.

In questi mesi non ho neanche avuto la forza di scrivere due righe in questo mio, ma ho certamente accumulato un’esperienza incredibile in fatto di organizzazione, almeno nel lavoro. Questo non vuol dire che io abbia imparato cosa fare per organizzare, ma sicuramente ho vissuto in prima persona la mancanza di organizzazione e forse ora so di più su cosa non fare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>