SPAM (2)

Qualcosa si muove sul fronte dello SPAM… anzi, molto più di qualcosa. Già da tempo (in alcuni casi da anni) ci sono varie proposte tecniche relative alla gestione di questo invadente e dannoso malanno, dalle black-lists alle firme digitali agli hash.

Oggi però sono inciampato in qualcosa di diverso: Make LOVE Not SPAM. Il nome è spiritoso così come lo stile del font (che ricorda gli anni ’70 e a me in particolare Austin Powers), ma la sostanza è del tutto all’opposto: occhio per occhio, si potrebbe dire. Infatti, il sito invita a scaricare uno screen-saver che, alla partenza, si collega al sito di Lycos, scarica un elenco, dopodichè comincia a disturbare i siti degli spammer elencati. Il risultato da ottenere è far consumare banda a questi siti, in modo che diventi poco conveniente fare appunto lo SPAM, visto che la banda può costare anche cifre enormi.

Buona idea a prima vista, ma assomiglia più a un atto di guerriglia che a una soluzione. Gli spammers sprecano banda (pare che più della metà a livello mondiale finisca lì), per combatterli in questa maniera se ne spreca dell’altra (anche se apparentemente poca), inoltre lo spammer bombardato potrebbe reagire ritorcendo l’attacco verso chi attacca, insomma pare una spirale infinita.

E, anche se Gandhi ha detto “occhio per occhio, tutto il mondo diventa cieco,” io sono talmente arrabbiato per tutta questa spazzatura nelle mailbox che ne ho installati due!