L’unione fa la forza

Il distribuited computing ha cominciato ad andare di moda ultimamente anche fra gli utenti meno esperti. Uno dei vettori di questa nuova ondata informatica è stato Seti@Home, che ha inaspettatamente attratto milioni di utenti rendendo possibile ciò che altrimenti sarebbe stato (economicamente) molto difficile da realizzare. Altri progetti sono nati sullo stesso modello; se ne può trovare un elenco molto completo presso Internet-based Distributed Computing Projects.
Interessanti anche i progetti che richiedono il nostro cervello come risorsa di calcolo distribuita.