Rapinatori rapinati

Ieri notizia della sparizione di molti soldi della Stradale a Torino, tra cui anche quelli delle multe. E il furto pare sia interno. Siccome io sono di Torino e di multe ne ho ricevute, provo un sentimento a meta’ fra il divertimento e la rabbia. L’ironia della cosa comunque non toglie il senso di rabbia che moltissimi cittadini torinesi provano ogni giorno quando salgono in macchina e affrontano il duro cammino attraverso la citta’. Si’, perche’ fra lavori in corso per ogni dove in vista del 2006, ZTL, strisce blu, tangenziale di portata rigorosamente insufficiente e l’alternativa, i mezzi pubblici, decisamente non all’altezza delle esigenze di questa citta’ (il metro’ lo stanno costruendo adesso), spesso arriva anche la zampata dei signori Vigili Urbani, che senza pieta’ e senza ironia eseguono i loro compiti da tristi figuri quali il loro per lo piu’ inutile e dannoso lavoro li costringe ad essere.
E aggiungo, personalmente, che abitando su corso Principe Oddone vicino a piazza Statuto, posso godermi tutti i giorni lo spettacolo scioccante dei lavori per l’interramento della ferrovia, che pur utilissimi, provocano disagi mai finiti tra qui una penuria vergognosa di posti auto, disagi aggravati dalla rabbia per la coppietta di Vigili che ogni tanto si fa il giro per le vie intorno staccando centinaia di multe per volta. In una situazione del genere, la cosa si configura come una grave prepotenza.
La gente di Torino e’ tradizionalmente molto paziente, ma la situazione e’ pesante, ed e’ cosi’ da qualche anno.

La domanda ora sorge spontanea: vedremo i nostri non proprio cari Vigili piu’ spesso dalle nostre parti (e in tutte le altre) per recuperare il danno economico che loro stessi si sono arrecati?