Rigore!

Negli ultimi giorni ho avuto la fortuna di assistere ad uno spettacolo surreale insieme a tutti gli altri miei concittadini: la farsa della politica italiana, dove arrabbiatissimi politicanti bisticciano e schiamazzano senza permettere al povero cittadino di capire nulla.

Proprio quando ci liberiamo di una destra che non è una parte politica ma perlopiù un covo di delinquenti, ecco che spunta fuori il caso “Piedi puliti”, com’è stato ribattezzato il problemino che ha creato Moggi con i suoi compagni di merende al calcio italiano.

Ma la cosa più triste è che, sinceramente, non sono sorpreso: come dire, “me l’aspettavo”, in un Paese dove sicuramente qualunque sostantivo avrà prima o poi posto di fianco all’aggettivo “pulito”, c’era da aspettarsi che il giocattolo preferito dagli italiani fosse truccato.

Un Paese marcio a tutti i livelli, ovunque si metta la mano la superficie apparentemente liscia cede e si finisce nel marcio, vi si affonda e si rischia di non trovare null’altro che marcio, essendo costretti infine a gettare via il frutto perché immangiabile, inutile anzi dannoso per la salute: peccato che questo “frutto marcio” siamo noi tutti italiani, persone reali in carne ed ossa e non metaforiche, persone che a tutti gli effetti creano il “marcio”, con la nostra immoralità e il nostro lassismo.

Chi da la colpa di tutto alla sola politica non ha capito un bel niente di come funzionano le cose: ognuno di noi è responsabile o perché agisce in maniera immorale o permette, anche al politico, di agire in tal maniera. Ma potrei mai pretendere che un lassista capisca o accetti questo? No, certo.
E’ triste vivere in un Paese che ti fa vergognare di esserci nato, e questa è l’ennesima volta, non certo la prima e non certo l’ultima.