Una boccata di ossigeno puro

Incredibile a dirsi, giovedì sera al Forum di Assago (MI), nonostante tutto il traffico e l’inquinamento, ho potuto prendermi una boccata di aria pura per ben due ore, grazie all’ormai mitico e sempreverde Beppe Grillo.
Il perchè? Beh, Grillo è certamente noto a tutti, c’è stato un periodo in cui era effettivamente impossibile non conoscerlo, quindi non dovrei stare qui a spiregare il perchè mi sono sentito così bene in quelle due ore.
Se non fosse chiaro, posso provare a spiegarlo.
E’ certo che la comicità di Grillo è divertente, anche quando usa clichè o parolacce non è mai scontato o prevedibile. E’ formidabile il suo uso di ritmi e silenzi, ed anche il suo modo di interagire con il pubblico, anche fisicamente con abbracci e e urla, rende il personaggio tangibile. Quindi è prima di tutti divertente.
L’altro lato di Grillo, quello del fustigatore dei costumi, è ancora più interessante. Visto che di comici ce ne sono tanti, più o meno divertenti, e che alla fine di ridere sulle piccolezze di ognuno di noi dopo un po’ ci si stufa (almeno io mi stufo), ascoltare qualcuno che dice le cose come stanno e che in più ti fa ridere personalmente lo trovo il non plus ultra. Anche perchè in Italia (nel mondo?) c’è sempre bisogno di qualcuno che dica la verità, visto che la maggior parte di noi cerca di passare più tempo che può a dire o ad ascoltare menzogne su menzogne.
In due ore Grillo parla di tutte le balle che ci hanno rifilato negli ultimi anni, dalla Parmalat alla guerra ai manager in generale, il tutto condito con il messaggio “la Rete ci unisce”. E’ tanto il volume di informazioni che ci ha passato che faccio fatica a ricordare, senza dimenticare che ho passato praticamente tutto il tempo con la pancia in mano dal ridere. Val la pena di vedere questo spettacolo.

Ritrovatelo sul suo blog.