Valenza legale per l’e-mail (PEC): legge attuata

In questo articolo de La Stampa si parla della valenza legale per l’e-mail finalmente definita da una legge dello Stato (DPR 11 febbraio 2005, n. 68). Nell’articolo si dice che, tuttavia, la cosa si potrà toccare con mano non prima che venga definito un elenco dei “gestori del servizio” abilitati a trasmettere email certificata e l’ente preposto, il CNIPA, non lo aveva ancora fatto al momento della pubblicazione (29/12/2005). Incredibile ma vero, invece il CNIPA ha abilitato i primi gestori il 22 dicembre 2005! Mettendo un momento da parte questo attimo di incredibile efficienza ed agilità dello Stato italiano, è rilevante il fatto che da oggi è possibile mandare l’equivalente di una raccomandata con ricevuta di ritorno direttamente dal computer, più o meno come si manda una normale email, ed evitando eventualmente le Poste Italiane (cioè appoggiandosi ad altri gestori.) Inoltre, visto l’obbligo per la pubblica amministrazione di dotarsi di caselle di posta apposite, dovrebbe essere più semplice comunicare tra cittadini e PA (e forse anche meno oneroso per le nostre tasche.)

[Edit] Se avevate per caso pensato che fosse una buona idea per una nuova attività, beh, sono d’accordo con voi… se, oltre ai soldi per l’investimento tecnologico, avete almeno un milione di Euro da investire, più qualche altra decina di migliaia per l’assicurazione industriale (come indicato qui al paragrafo LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO, punto secondo.)